Cambiamo passo! Alle #ParlamentariePD votiamo Thomas e Romina


Primarie aperte ai 3 milioni di elettori di centrosinistra che hanno scelto il rassicurante Bersani per accompagnare l’Italia fuori dal baratro in cui ci ha trasportato una generazione politica che non è stata in grado nemmeno di abolire il Porcellum.

Un voto importante, che sarà per tanti un voto dato sulla fiducia. Perchè il tempo per approfondire, conosce e studiare chi sono i 10 candidati a entrare nelle liste del PD non c’è.

Per questo do il mio contributo a quanti in questi due anni hanno seguito la mia attività politica, segnalandovi che tra gli otto candidati ce ne sono due che mi piacerebbe vedere nel prossimo Parlamento: Thomas Castangia e Romina Mura.

Thomas e Romina si mettono in gioco per rappresentare non solo la mia generazione ma un impegno al servizio della collettività basato sull’attenzione al mondo che viviamo e sulla proposta di soluzioni nuove e, soprattutto, sulla volontà di rendicontare puntualmente la propria attività.

CAMBIA PASSO, scegli Thomas Castangia! Immagine di copertina per facebook
CAMBIA PASSO! scegli Thomas Castangia – Immagine di copertina per facebook

Thomas è segretario provinciale del PD, ma non appartiene alle correnti che finora hanno soffocato il partito. Uno dei pochi che nelle assemblee, feste e direzioni, parla un linguaggio che sa di autentico e genuino. Nel Laboratorio di Partecipazione Politica ha coordinato l’organizzazione dell’incontro su tema della precarietà, dimostrando che conosce la difficile realtà della maggior parte dei giovani che entrano nel mondo del lavoro e che ha idee chiare su come poterla cambiare. Ha fondato Domukratica e il circolo Copernico, dimostrando che non solo a parole crede nell’importanza della partecipazione e della cittadinanza attiva, ma si spende per creare spazi di condivisione e libera attività sociale e politica. Oggi con coraggio decide di correre per un posto in Parlamento insieme a chi in questi anni ha costruito con lui un modo sano di vivere il PD.

Romina è sindaco di Sadali, un piccolo paese del centro Sardegna che, come tanti altri, sta vivendo il dramma dello spopolamento. Due anni fa ha deciso di spendersi per opporsi a un fenomeno che altri consideravano irreversibile, perchè è convinta che la politica serva a offrire una speranza concreta di cambiamento. Con il progetto “Ripopola Sadali” è riuscita per la prima volta negli ultimi 20 anni ad avere un saldo migratorio non negativo, offrendo, in particolare ai giovani, la possibilità di avere una vita piena in un paese di 3000 abitanti, puntando sull’ambiente, sulla cultura e sulle risorse europee. Dimostrazione che la politica può migliorare davvero la vita dei cittadini.

Vi faccio due nomi perchè nella scheda ci sarà la possibilità di votare sia un uomo che una donna. So che sarebbe stato meglio avere più tempo. Potete frugare su internet, informarvi, parlarne con amici e parenti durante queste feste. Ma ci sono momenti in cui la storia può cambiare perchè qualcuno si assume il coraggio di rischiare e di mettersi in gioco. A Cagliari l’abbiamo vissuto due anni fa, quando Filippo Petrucci ha deciso di raccogliere 1500 firme, e grazie al granello di sabbia che ha smosso con quella scelta si è creata la valanga che ha rinnovato la politica cagliaritana.

Oggi due giovani si mettono in gioco per entrare in Parlamento, rappresentando il PD che vorrei. Io gli do fiducia. E vi invito a farlo con convinzione!

PS: magari aderendo alla campagna dei bottoni lanciata oggi su internet 😉

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...