Porticciolo per la piccola pesca di Sant’Elia


Il Consiglio Comunale ha approvato all’unanimità la deliberazione che prevede la realizzazione del primo lotto del porticciolo per la piccola pesca di Sant’Elia [discussione su #opencagliari].
Un atto importante in continuità con la scelta bipartisan della scorsa amministrazione di dotare il quartiere di un porto, ma che dimostra ancora una volta la visione ristretta della precedente amministrazione: per un progetto da 12 milioni di euro, la dotazione finanziaria esistente è di soli 5,2 milioni, che permetteranno soltanto la costruzione dei due bracci a mare e di una prima parte dello scavo.Ma perché il porto possa vedere la luce mancano circa ulteriori 7 milioni di euro.
La stima di inizio lavori è prevista dall’ing. Mossa per il 2013 (trattandosi di appalto integrato il 2012 sarà impegnato per la redazione del progetto esecutivo) e si protrarranno per gran parte dell’anno.

Siccome non si vuole regalare alla città una costosissima incompiuta che avrebbe solo il sapore di beffa per il quartiere e la città, il centrosinistra propone in aula il seguente ordine del giorno (votato con 17 voti favorevoli, 2 contrari e 7 astenuti) come stimolo per cominciare a pensare a soluzioni anche gestionali alternative in caso di un mancato reperimento di risorse pubbliche.

ORDINE DEL GIORNO PORTICCIOLO PER LA PICCOLA PESCA DI SANT’ELIA

Noi sottoscritti Consiglieri Comunali,

premesso che in data 22.11.2011 il Consiglio Comunale ha approvato la deliberazione numero 229 per la realizzazione del primo lotto del porto di piccola pesca a Sant’Elia

considerata la rilevanza strategica dell’intera opera, anche ai fini dell’avvio del processo di riqualificazione del quartiere di Sant’Elia

ricordato che la deliberazione numero 229 del 22.11.2011 prevede soltanto le opere del primo lotto

impegna il Sindaco e la Giunta

a ricercare entro il 31.12.2012 la dotazione finanziaria pubblica necessaria al totale completamento dell’opera, valutando sin d’ora comunque, con lo scopo di prevenire il rischio di un’opera incompiuta, anche il ricorso a forme di finanziamento e gestione privata dell’opera.

Cagliari 22.11.2011

Rispetto alle immagini qua sotto, il progetto approvato in aula non prevede lo specchio d’acqua circolare circondato dai volumi di servizi perché stralciato dalla Regione. Oltre ai 127 posti barca è prevista la realizzazione di un volume per la vendita diretta del pescato e due volumi per il ricovero degli attrezzi per le barche da pesca.

Uploaded with ImageShack.us

Annunci

5 thoughts on “Porticciolo per la piccola pesca di Sant’Elia

  1. Vista la penuria di risorse pubbliche, ambiti complessi quali sant’elia per rinascere a nuova vita non possono prescindere da grosse iniezioni di risorse private. Ci vorrebbe di un piano complessivo sul modello masterplan OMA che preveda interventi di trasformazione urbana in paternariato pubblico-privato. Anche un cellino avrebbe potuto contribuire..
    Riguardo il porto, spero che la piazza d’acqua del progetto originario venga ricompresa, magari in un secondo tempo. E’ un vero peccato che quella parte del progetto sia stata accantonata..

  2. Non so. Non la percepisco come opera di integrazione sociale. La necessità di riaggregare Sant’Elia alla città ha bisogno di azioni che guardino verso Cagliari non gli rivolgano le spalle. Ben venga il nuovo porticciolo però preferirei il turistico a Sant’Elia e la piccola pesca in via Roma. Abbiamo anche il mercato ittico a due passi. Quanta bella contaminazione di turisti dal porticciolo di Sant’Elia alla via Roma. Una centralità così forte non rischia di esercitare un magnetismo di chiusura? Già un’infrastruttura come il viale Salvatore Ferrara, per quanto di gran servizio, ha di fatto messo in quinta tutto il quartiere. La necessità è quella di creare nuove dinamiche bidirezionali con la città, non monocentriche.

  3. E’ importante non lasciare le opere incompiute!
    In ogni caso bisogna garantire l’accessibilità ai cittadini qualora il complesso venga gestito da terzi. Inoltre credo possa essere importante, in fase di realizzazione, garantire che possa lavorarci una percentuale X di cittadini del quartiere.
    Complimenti ragazzi!

  4. sono d’accordo con l’ordine del giorno. Mi fa piacere vedere che la giunta sta pensando a forme di finanziamento e gestione privata, a mio avviso le uniche che consentano davvero di completare e soprattutto di mantenere e far funzionare opere del genere. Buon lavoro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...