18 IUS SOLI, il diritto di essere italiani | Cineforum al Berlinguer, 18 novembre 20h30


Venerdì 18 novembre alle ore 20,30  al Circolo Berlinguer, in via Leopardi n. 3, insieme a CA Collettivo Attivo abbiamo organizzato la proiezione del docu-film del regista Fred Kuwornu  “18 IUS SOLI, il diritto di essere italiani” sulle seconde generazioni di immigrati, a cui han partecipato ancheil deputato PD  Andrea Sarubbi e il presidente della camera Gianfranco Fini.

Approfittiamo della serata di venerdì per incontrare associazioni e cittadini che a Cagliari si occupano del di immigrazione e per firmare le proposte di legge di iniziativa popolare per riformare il diritto di cittadinanza e il diritto di voto amministrativo.

Il tema dell’immigrazione è sempre più centrale nella società italiana, anche se troppo spesso in passato trattato dalla politica in modo strumentale e superficiale. Le prossime settimane anche l’aula del Consiglio Comunale di Cagliari si troverà ad affrontare il dibattito grazie a due mozioni presentate dalla maggioranza sull’adesione alla campagna “L’Italia sono anch’io” e sul diritto di voto per gli immigrati nella municipalità di Pirri.

Grande segno di speranza per l’Italia da questo punto di vista, dopo anni bui a livello nazionale, è la decisione di Mario Monti di creare un Ministero per l’Integrazione e la Cooperazione Internazionale affidato ad Andrea Riccardi fondatore della Comunità di Sant’Egidio, fondata nel 1968 insieme con un gruppo di studenti del liceo romano Virgilio, ancora oggi in prima linea per la giustizia sociale, i diritti degli ultimi, la pace, e lo sviluppo per il Sud del mondo.

L’inizio della proiezione è previsto per le ore 20,30, il documentario dura 54 minuti e dopo ci sarà spazio per commenti e riflessioni sul tema.

18 IUS SOLI, il diritto di essere italiani | docu-film di Fred Kuwornu
PS: vi chiederemo un contributo volontario da 3 euro (ma ripagato con un parco e sobrio buffet finale)
“18 IUS SOLI “è un film documentario, premiato dall’Associazione Amici di Giana con il Premio Mutti.
18  storie di ragazze e ragazzi nati e cresciuti in Italia ma con origini :asiatiche, sudamericane, africane e residenti in aeree geografiche diverse dell’Italia .Sono ragazzi nati in Italia, figli di immigrati: studiano nel nostro Paese, parlano la nostra lingua e i nostri dialetti, molto probabilmente non sono nemmeno mai stati nel paese d’origine dei loro genitori né spesso ne parlano la lingua.
Eppure non sono riconosciuti cittadini italiani come tutti gli altri. Per ottenere la Cittadinanza italiana devono infatti sottoporsi al compimento del 18° anno di età ad un iter burocratico lungo e complesso, che non sempre termina con esiti positivi per il richiedente, con conseguenti e   inevitabili gravi problemi di inserimento sociale e d’ identità. Oltre alle loro storie sono stati intervistati sociologi e politici italiani. E’ uno dei primi documentari “grassroot” prodotti in Italia, con lo scopo di essere utilizzato come piattaforma dal basso per generare una campagna sociale di Cambiamento rivolta agli stessi attori sociali che ne sono anche gli artefici.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...