Interrogazione sullo stato di attuazione del progetto Vita Nova


Di seguito il testo dell’interrogazione che presenterò martedì in Consiglio Comunale. Conosco bene il progetto per i “bamboccioni” cagliaritani essendone beneficiario io stesso. Fortunatamente il mio pagamento è stato erogato nei tempi, ma sono tanti i giovani che si sono trovati in difficoltà per i tanti ritardi e disguidi nella gestione amministrativa del progetto. Sperimentare in prima persona come il progetto sta venendo portato avanti  mi ha portato a una riflessione più generale che credo abbia un valore più ampio in relazione ai rapporti tra cittadini e amministrazione che sottopongo al sindaco.

Interrogazione sullo stato di attuazione del progetto Vita Nova

Premesso che

 

  • la precedente amministrazione attraverso l’Assessorato alle Politiche Giovanili ha avviato il progetto biennale “Vita Nova”, finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della Gioventù con la partecipazione del Comune di Cagliari;
  • il progetto Vita Nova è finalizzato a favorire l’autonomia abitativa dei giovani e ad incrementare l’offerta di alloggi in affitto nella Città di Cagliari, con particolare attenzione al centro storico cittadino;
  • in un periodo storico in cui i giovani sono una delle categorie maggiormente svantaggiate rispetto alla crisi economica che stiamo vivendo, i destinatari dell’intervento sono 80 giovani fra i 18 e i 35 anni che vivono all’interno del nucleo familiare d’origine e che intendano intraprendere un percorso di autonomia abitativa nella città di Cagliari, usufruendo di un voucher dell’importo di 350,00 euro mensili (per due anni) che andrà a coprire le spese di affitto sostenute;
  • il 30 luglio 2010 è stato pubblicato il bando per l’assegnazione dei suddetti contributi per l’accesso alla locazione agevolata e contestualmente per l’assegnazione di contributi a proprietari di case nel centro storico di Cagliari sfitte da almeno 6 mesi, che intendano immettere nel mercato cittadino le abitazioni di loro proprietà per l’affitto a favore dei giovani;
  • in seguito all’approvazione delle graduatorie provvisoria e definitiva (determinazioni n. 1749/2011 del 17/02/2011 e n.3462/2011 del 01/04/ 2011) l’8 aprile 2011, a 8 mesi dalla pubblicazione del bando, si è riusciti finalmente a dare il via al progetto individuando gli 80 beneficiari, registrando il sostanziale fallimento del bando rivolto ai proprietari e pubblicando un Vademecum che indica ai beneficiari le modalità di presentazione della documentazione in modo da poter usufruire del contributo;
  • la gestione dell’iniziativa e delle conseguenti attività è condotta attraverso lo Sportello Casa del Servizio Politiche Giovanili del Comune di Cagliari;
  • la gestione dello Sportello Casa dal 2010 ad oggi è affidata continuativamente alla Società Databank srl grazie a proroghe continue basate sulla “elevata professionalità e sull’assicurazione di un buono standard di prodotto” (determinazioni n. 3330/2010 del 29/03/2010, n. 13084/2010 del 30/11/2010, n. 5857/2011 del 06/06/2011) che ha anche assunto il ruolo di supporto al Servizio Politiche Giovanili relativamente al Bando Vita Nova

 

Considerato che

 

  • a oggi, il Servizio Politiche Giovanili e lo Sportello Casa hanno grosse difficoltà nel gestire la fase iniziale del progetto in particolare nel rispetto dei tempi che il bando stesso aveva definito; alcuni dei beneficiari che da oltre quattro mesi hanno iniziato a pagare gli affitti ancora non hanno visto alcun rimborso dei mesi arretrati;
  • per gran parte dei beneficiari la scelta di uscire dal nucleo familiare, nonostante la congiuntura economica negativa e in un periodo di crisi come quello che stiamo vivendo, è stata orientata dal fatto di poter effettivamente usufruire di tale contributo;
  • nella riunione del 27 aprile 2011 è stata ventilata la possibilità, previa autorizzazione ministeriale, di ampliare il numero dei beneficiari in virtù dei fondi rimasti a disposizione dal “bando proprietari” andato quasi deserto;
  • nella riunione del 6 ottobre scorso convocata dall’amministrazione per chiarire la situazione attuale sono state indicate rilevanti modifiche al Vademecum sulla presentazione delle pezze giustificatrici necessarie per poter usufruire del contributo che rischiano di far risultare molte spese non rimborsabili

 

interroga il sindaco

 

  1. sullo stato di attuazione del progetto Vita Nova, sulla regolarità dei pagamenti a favore dei beneficiari del contributo, e sulla ventilata ipotesi di ampliare la graduatoria dei beneficiari a fronte del “bando proprietari” andato deserto;
  2. su quali siano i parametri di monitoraggio e i criteri di valutazione utilizzati dall’amministrazione per definire buono lo standard di prodotto del servizio reso dalla società che gestisce lo Sportello Casa;
  3. su quali strumenti hanno i cittadini cagliaritani per segnalare all’amministrazione eventuali disfunzioni dei servizi resi in modo da indirizzare le scelte dell’amministrazione verso una maggiore efficienza;
  4. sul giudizio della nuova amministrazione rispetto a tale interessante progetto e sulla previsione di dare avvio a iniziative analoghe rispetto alle Politiche Giovanili.

Matteo Lecis Cocco Ortu

Annunci

One thought on “Interrogazione sullo stato di attuazione del progetto Vita Nova

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...